Economia, Osnato (FdI): inflazione più bassa merito del Governo, la Bce rifletta sulla contrazione del credito

0
128


“Sento diversi esponenti dell’opposizione ringraziare la Bce per la discesa dell’inflazione, finalmente avviata verso un percorso di rientro. Ma la politica monetaria non si trasmette per magia e per diversi mesi il livello dei prezzi è rimasto su valori inaccettabili, nonostante il piglio con cui Francoforte alzava i tassi. Oggi l’inflazione diminuisce più del previsto: forse grazie alle politiche del Governo? E il credito, ahimè, subisce una contrazione vistosa: la ‘stretta’ non c’è, ma Francoforte non poteva pensarci prima?”. Lo dichiara Marco Osnato – deputato di Fratelli d’Italia, presidente della Commissione Finanze e responsabile economico del partito – a commento dei dati sul mese di ottobre, forniti rispettivamente da Istat e Abi. “Già nel corso dell’anno, vari provvedimenti del Governo avevano sostenuto il raffreddamento dei prezzi energetici”, prosegue l’esponente di FdI, “mentre l’ufficio studi di Confcommercio sottolinea che anche la corsa del paniere alimentare sembra essersi fermata, nel primo mese di applicazione dell’accordo per il ‘carrello tricolore’, addirittura con una deflazione tra settembre e ottobre”. Al contrario, purtroppo, prosegue il calo dei prestiti a famiglie e imprese, pur su valori assoluti superiori al 2019. “Abi e Banca d’Italia lo dicono chiaramente: molti stanno rinviando gli investimenti a causa delle politiche Bce. Speriamo che chi di dovere sappia leggere questi dati e faccia le scelte conseguenti”, conclude Osnato.