Ringrazio il Presidente Mulè Giorgio per l’invito all’interessante confronto sull’alfabetizzazione digitale.

0
55

L’alfabetizzazione digitale è una priorità assoluta per qualunque nazione voglia essere competitiva e aumentare il benessere.

L’Italia vuole questo e ha tutte le potenzialità per portare avanti lo ‘shock’ di cui ha bisogno in campo digitale, lo sforzo parte dal pubblico ma deve coinvolgere tutto il mondo produttivo privato, il mondo accademico e la società civile, in una condivisione degli obiettivi.

La scarsa alfabetizzazione digitale si coniuga con l’educazione finanziaria, ancora un miraggio, nonostante qualcosa si stia facendo anche in tema di programmi scolastici.

Bankitalia insegna che, anche tra i giovani, solo il 35% degli intervistati ha una competenza adeguata agli standard moderni. La percentuale è bassa anche tra chi è già inserito nel mondo del lavoro.

Anche grazie al PNRR, il governo sta facendo bene anche per creare un sistema virtuoso di infrastrutture digitali.